Animal Recovery Mission


La Animal Recovery Mission*(ARM) è un’organizzazione non-profit che si occupa di violenza sugli animali. In sei mesi, i suoi membri hanno indagato su tre mattatoi illegali attivi in Florida. Dopo intense indagini, hanno affermato: “In queste tre fattorie, attive da 25 anni, sono state praticate torture illegali e disumane, nonché uccisioni di vari animali da allevamento”. Nell’ottobre del 2015, in collaborazione con la polizia locale, l’ARM ha fatto irruzione contemporaneamente in tutte e tre le fattorie, causandone la chiusura e salvando circa  300 animali. La Fondazione Ian Somerhalder (ISF) ha concesso all’ARM una Sovvenzione di Emergenza Veterinaria per supportare il salvataggio di questi animali affetti da coccidiosi, anemia, congiuntivite, polmonite, parassiti trichostrongylus e interni, forte diarrea, malnutrizione e disidratazione.

Tutti gli animali sono stati trasportati in un santuario, dove hanno iniziato a guarire. Poiché la sterilizzazione non veniva neanche presa in considerazione nelle fattorie, molti cuccioli sono nati dopo il salvataggio. Rachel, un’investigatrice di ARM, ha scritto una e-mail alla Fondazione IS dicendo: “giorni fa sono nati due capretti, Jack e Jill, cosa che senza questo salvataggio non sarebbe mai successa. Poiché la loro madre era stata malnutrita e aveva subito maltrattamenti, i cuccioli erano deboli e hanno avuto bisogno di trasfusioni di sangue e stecche per le zampe, ma le loro condizioni migliorano ogni giorno. Sono delle creature dolcissime, con degli occhioni splendidi!

In quanto membri del team di ARM, tre veterinari hanno monitorato gli animali attentamente.
Ma ce n’è uno che ha un posto speciale nel cuore di Rachel. Matumbo è una capra anziana affetta da polmonite. Le sue condizioni erano aggravate da una malformazione genetica del setto nasale che rendeva difficile la respirazione. Rachel ci ha descritto Matumbo come: “un gigante buono che mi ha sciolto il cuore nel momento in cui l’ho visto uscire dal mezzo dell’ARM. Tra me e Matumbo c’è una forte connessione impossibile da descrivere e ha uno spirito incredibile. Nonostante i maltrattamenti subiti e tutto il dolore a cui ha dovuto assistere, sta imparando lentamente a fidarsi. Adora essere accarezzato sulle corna, ma odia gli aghi, è troppo carino quando piange perfino per quello più minuscolo … può sembrare strano, ma ti scioglie il cuore vedere come in un ragazzone come lui si nasconda lo spirito dolce di un cucciolo”. Subito dopo l’indagine, Rachel ci disse: “Matumbo potrebbe condurre una vita normale se operassimo una ricostruzione facciale con cicatrici nelle pieghe cutanee”. È stato sottoposto con successo all’operazione.

A causa dei maltrattamenti subiti prima dell’irruzione di ARM, alcuni animali dovranno continuare a lottare per tornare in salute. Rachel ha scritto alla Fondazione IS: “Matumbo sta piuttosto bene, anche se preferirei che stesse meglio. Ha perso molto peso, così ho chiesto al veterinario di fare delle analisi dettagliate e pare che adesso abbia dei problemi al fegato. Non si è rimesso bene, per dirla in poche parole. In ogni caso, stiamo facendo tutto ciò che è in nostro potere e nel frattempo, a parte la perdita di peso, è molto felice e ha libero accesso all’intera proprietà, oltre a un ottimo piano medico e alimentare. È stato un lungo cammino. Ma non preoccupatevi, come sapete è il mio bambino, quindi sto combattendo per lui con tutte le mie forze”.

Grazie a Rachel e all’intero team dell’ARM, Matumbo e gli altri 299 animali salvati hanno adesso una possibilità di combattere per le proprie vite. 

                                                                                                                                                                       

Scritto da: Veronica Hampton

Revisionato da: Bob Stone

 

*Quando possibile, cerchiamo di rimandare a pagine in italiano, ma in alcuni casi non esistono oppure il loro contenuto non corrisponde integralmente alla pagina originale. In caso di necessità, chiedi aiuto a qualcuno per consultare le pagine in inglese. Non vogliamo che ti senta scoraggiato se non riesci a leggere e capire le pagine a cui rimandano i link. [N.d.T.]